Quella all’asta non è la maglia ‘Mano de Dios’

0
58

La figlia maggiore di Diego, Dalma Maradona, nel corso di un programma che conduce su Radio Mitre, ha detto che la maglia messa all’asta da Sotheby’s, che è di proprietà dell’ex nazionale inglese Steve Hodge, quest’ultimo la scambiò con l’ex ‘Pibe de Oro’, e poi esposta negli ultimi anni nel Museo del calcio di Manchester, non è quella con la quale suo padre ha segnato i due gol contro l’Inghilterra ai Mondiali 1986 in Messico, ma quella che Maradona (a segno al 6′ e al 10′ st) vestì nel primo tempo. “No, quella non è la maglia che mio padre usò nel secondo tempo – ha detto Dalma -. La indossò in quella partita, ma nei primi 45′. Lui (Hodge, ndr) non può dirlo, e nemmeno può provare che la sua sia quella del secondo tempo, non ci sono filmati che lo dimostrano”.
“Ce n’è una del primo tempo e un’altra del secondo – ha detto ancora la figlia di Maradona – . Conoscendo papà, so che lui non ha regalato quella maglia a nessuno. Quest’uomo non ce l’ha. Non ce l’ha. Lo so per certo”, Dalma Maradona Napoli ha poi precisato di sapere chi ha la maglia che suo padre mise durante il secondo tempo, ma ha evitato di fornire il nome del proprietario. “Non voglio dire chi ce l’ha, perché è pazzesco – le sue parole -. Non ce l’ha mia mamma, ma so chi ce l’ha, però non voglio dirlo per non esporre questa persona. L’unica cosa che posso affermare è che all’asta non sta andando la maglietta con la quale mio padre segnò i due gol. Non lo dico io, l’ha detto mio padre stesso. Una volta mi rivelò: ‘Come posso dargli la maglia della mia vita?’ E’ la verità. Hodge possiede una maglia importante, però è quella del primo tempo e non ha quel valore. Non mi importa fargli perdere (a Hodge, ndr) milioni di dollari, sono solo obiettiva e voglio che la gente sappia”.La maglia indossata da Diego Armando Maradona nel quarto di finale di Messico ’86 Argentina-Inghilterra finisce all’asta. Per i collezionisti sarà un’occasione da non perdere, ma ovviamente saranno in pochi a poter partecipare all’asta, che verrà battuta nelle prossime settimane da Sotheby’s.