Gravina (Figc) : “Il ritorno allo stadio è una cosa importante. Ora vediamo la luce in fondo al tunnel”

Il 19 maggio è stato il giorno zero del nuovo calcio post Covid. La finale di Coppa Italia, tra Juventus e Atalanta, sul neutro di Reggio Emilia al Mapei Stadium, ha sancito infatti l’atteso giorno del ritorno allo stadio da parte dei tifosi dopo lo tsunami pandemia.Intervenuto sul tema, il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato della nazionale e della ripartenza del calcio italiano. Queste le sue parole: “Il ritorno allo stadio è una cosa importante, si aggiunge un elemento determinante come i tifosi – le parole del numero uno -. Abbiamo vissuto 18 mesi durissimi ma ora vediamo la luce in fondo al tunnel. Partiremo l’11 giugno, rispettando le regole. Ho un grande sogno, quello dell’Italia che si risveglia e che riparte”.Nella partita citata chi ha voluto assistervi ha doduto scaricare un’app apposita e poi dare garanzie sanitarie ben precise per tutela di sè e degli altri. Un tampone entro le 48 con esito negativo, o la dimostrazione della conclusione dell’iter vaccinale o la certificazione di completa guarigione da eventuale contagio da Covid 19. Questa la richiesta attraverso la quale si potrà accedere in prospettiva alla richiesta dei tagliandi, a partire dagli Europei 2021 alle porte.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: