Samuel Eto’o un vero campione di solidarietà

Un gesto nobile che ha commosso tutti e che merita di essere sottolineato. Il 10 marzo scorso ha compiuto 40 anni, ma in realtà Samuel Eto’o ha pensato che fosse giusto fare un regalo al suo Paese. Da sempre il campione camerunense, protagonista del ‘Triplete’ interista nel 2010, è vicino alla gente del suo Paese e ora attraverso la sua Fondazione ha dato una mano effettiva nella lotta al Coronavirus.Nelle ultime ore Eto’o dimostrando immensa sensibilità e senso della solidarietà ha donato 10 ambulanze al Ministero della Salute del Camerun, tutte destinate a sostenere l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia. “Un grande onore poter fare questo per il mio Paese, in modo che più persone possano essere aiutate in questa situazione di emergenza”, ha scritto su Instagram dichiarato soddisfatto.Non è nemmeno la prima volta che succede. Un anno infatti la Fondazione Eto’o aveva acquistato e distribuito mascherine, disinfettanti e generi alimentari di prima necessità a ben 50mila famiglie in diverse zone del Paese.
La Fondazione che porta il suo nome è diventata al momento la prima missione di Samuel Eto’o che ha smesso di giocare da due anni e che lo scorso novembre ha rischiato la vita in un incidente stradale proprio in Camerun. Il suo Suv era stato travolto da un bus e le prima immagini avevano fatto temere il peggio anche se poi tutto si era risolto nel migliore dei modi. L’attaccante ex Barcellona, Inter e Samp, da quando ha appeso le scarpette a fine 2019 dopo aver giocato in Qatar, non ha più rimesso piede in campo anche se qualcuno ha provato a fargli cambiare idea. Lo scorso novembre infatti il Real Murcia, squadra della Terza Serie spagnola, aveva lanciato l’idea di ingaggiarlo prima di scendere in campo nella Coppa del Re.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: