Onore alla memoria di Mauro Bellugi

L’ex azzurro e difensore di Inter, Bologna e Napoli si è spento a 71 anni a Milano, in seguito alle complicazioni di salute legate all’infezione da Covid-19. È stato anche tecnico e opinionista televisivo: in suo onore la FIGC ha disposto l’effettuazione di un minuto di raccoglimento, prima dell’inizio delle gare di tutti i campionati programmate nello scorso fine settimana, inclusi gli incontri delle competizioni nazionali organizzate dalla Lega Nazionale Dilettanti. “Ci lascia un uomo di grande valore, non solo in campo – le parole del presidente Cosimo Sibilia – la sua vicenda umana ha commosso tutti, non solo il mondo del calcio”. Grande carattere e spirito da combattente di razza Mauro, come nel suo stile aveva cercato di farsi forza. “Il chirurgo mi ha tolto anche la gamba con cui feci gol al Borussia Monchengladbach” (l’unica rete della sua carriera realizzata nella sfida di Coppa dei Campioni del 3 novembre 1971, vinta 4-2 dall’Inter contro i tedeschi) aveva detto Bellugi,dopo l’intervento chirurgico per l’amputazione di entrambe le gambe dopo l’infezione da Covid-19. L’ex stopper toscano, che con la Nazionale vanta 32 presenze, era ricoverato in ospedale dallo scorso 4 novembre a causa della positività al Coronavirus: le sue condizioni si sono aggravate fino a richiedere l’intervento d’urgenza per complicanze, con patologie pregresse agli arti inferiori, ma tutto questo non è servito a salvargli la vita.
Nel corso di una video-chiamata con Luca Serafini, che lo aveva intervistato per il portale altropensiero.net, Bellugi aveva trovato anche la forza di scherzare: “Prenderò le protesi di Pistorius, cosi’ nei corridoi degli studi televisivi ti sorpasserò”, ha ironizzato riferendosi alle sue presenze negli studi televisivi calcistici.Dopo aver smesso col calcio giocato, per i dolori alle gambe, aveva intrapreso per breve tempo il ruolo di allenatore in seconda della Pistoiese e successivamente era diventato un apprezzato opinionista tv. Adesso tutto il mondo del calcio piange il campione italiano e noi ci uniamo al dolore immenso della sua famiglia alla quale vanno le nostre più sentite condoglianze.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: