Fine settimana ricco di emozioni per l’Atletica Arcobaleno Savona

0
43

Un paio di trasferte su territorio nazionale (Piemonte) ed un paio internazionali (Malta ed Ungheria) per l’Atletica Arcobaleno Savona in questo intenso weekend.

 

Partiamo da Mondovì, dove, in occasione del Meeting Nazionale tradizionalmente in scena il 2 Giugno, la staffetta 4×100 maschile juniores ha avuto modo di centrare un pregevole risultato, correndo in 43.69 con la formazione schierata con Achille Palmiere, Alessandro Marchetti, Leonardo Zetti e Federico Vaccari.

La prestazione colloca alla data odierna i nostri “eroi” in 15ima posizione nazionale, con ancora qualche decimo da “limare”.

Nella gara piemontese il quartetto si è piazzato in 4° posizione alle spalle di buoni Team delle categorie assolute.

Nelle gare individuali buon 25.96 di Elisa Moro sui 200, mentre Leonardo Zetti ha ritoccato il personale sui 100 portandolo a 11.39.

Gara a Borgomanero per il mezzofondista Enrico Lanfranconi. Purtroppo un vistoso calo nel finale di gara gli ha impedito di portare a casa un risultato molto prossimo ai 4 minuti. Per Enrico 4.11.13 all’arrivo.

 

E veniamo al duplice appuntamento del circuito Events for Athletics Promotion (EAP).

A Budapest in gara i “gemelli degli 800”, Marco Zunino e Samir Benaddi. Purtroppo, per un disguido dell’organizzazione, i nostri si sono trovati a correre nella serie meno forte, essendo quindi costretti a fare gara in solitaria.

La classifica finale delle 4 serie disputate ha visto Marco Zunino in 7° posizione con il crono di 1.54.16, mentre Samir Benaddi ha chiuso la prova in 1.56.29.

 

 

 

 

Buon risultato per Ilaria Cavanna, all’esordio in una gara internazionale nel suo lancio del martello. Miglior misura a 48.39, che le è valsa la 5° posizione in classifica generale.

Gara aggressiva dell’ostacolista Francesco Rebagliati, che ha affrontato con grinta i 2/3 dei 400 ostacoli, pagando purtroppo dazio nel finale. Per lui all’arrivo il crono di 55.76 e una 5° posizione che non lo soddisfa.

Nel Meeting di Malta il lunghista novarese Francesco Ferramosca ha dovuto “combattere” con un vento che spirava un po’ in tutte le direzioni. Il suo miglior risultato è stato di m. 6.36.