Venerdì 24 novembre 2023 alle ore 21,00, nello scrigno rococò della Chiesa di Sant’Andrea in Piazza dei Consoli del Comune a Savona, il Coro Polifonico “Anton Bruckner” di Savona, fondato e diretto da Marco Esposto, ha offerto, a ingresso libero, un concerto per promuovere le attività della Lega Italiana per la lotta Contro i Tumori, la cui sede provinciale di Savona è presieduta dal Dott. Marcello Brignone. Il programma, che comprendeva composizioni sacre a cappella e con accompagnamento di ensemble d’archi (Massimiliano Patetta, Luca Soi, Edoardo Valle) e organo (Alessandro Delfino), è stato dedicato interamente a tre compositori capisaldi del classicismo viennese tra loro legati artisticamente e umanamente da grande amicizia e stima: Wolfgang Amadeus Mozart, Franz Joseph Haydn e suo fratello Johann Michael Haydn. Un’occasione per apprezzare, in una chiesa dell’epoca delle composizioni in programma, una grande musica caratterizzata da eleganza e espressività, in cui gli elementi del discorso musicale (melodia scorrevole, ritmo e armonia raffinata) si fondono in un magistrale equilibrio all’ascolto. Il Coro Polifonico Anton Bruckner di Savona, costituito da un gruppo di amici della musica corale, in trentacinque anni di attività musicale ha realizzato oltre 140 concerti, collaborando con varie istituzioni musicali e culturali italiane, proponendosi sia a cappella, sia con orchestra, avvalendosi della collaborazione di affermati artisti italiani partecipando con successo a diverse rassegne corali e concorsi italiani. Si ringraziano Don Piero Giacosa, parroco di San Giovanni Battista – Sant’Andrea per l’ospitalità ed il Dott. Ugo Folco per l’accoglienza.

0
126

Nel nome di Jannik Sinner. C’è la firma del numero 4 del mondo, protagonista di una stagione entusiasmante, sul secondo trionfo in Coppa Davis della storia della Nazionale di tennis.
Sul veloce di Malaga la squadra capitanata da Filippo Volandri conquista un titolo che l’Italia non vinceva dal 1976, e lo fa chiudendo in bellezza un percorso ricco di ostacoli. A settembre la fase a gironi superata a Bologna contro Canada, Cile e Svezia, poi la magica settimana in terra spagnola. Il successo contro l’Olanda ai quarti, quello in semifinale ai danni della Serbia del numero 1 del mondo Novak Djokovic e, nella finale odierna, la vittoria sull’Australia. Il primo punto di giornata lo timbra Matteo Arnaldi, che in tutta la manifestazione ha dimostrato audacia, coraggio e personalità. Oltre a qualità tennistiche non molto comuni. Il ventiduenne sanremese si impone su Alexei Popyrin con il punteggio di 7-5 2-6 6-4.
Dopodiché il recente finalista delle ATP Finals, in campo contro il numero 12 del mondo Alex de Minaur. Come prevedibile guardando i precedenti (5-0 per l’azzurro), non c’è partita. Sinner (foto ANSA) serve bene, spinge con entrambi i fondamentali e costringe spesso l’avversario a fare il tergicristallo. L’esito è scontato: 6-3 6-0 in favore del ventiduenne di San Candido. Italia batte Australia 2-0: può partire la festa della squadra composta anche da Lorenzo Musetti, Lorenzo Sonego e Simone Bolelli. Azzurri sul tetto del mondo. Con il pieno recupero di Berettini potrebbe aprirsi un ciclo vincente.