Minuto di raccoglimento su tutti i campi di calcio per le vittime del naufragio di Cutro

0
259
Preso atto delle indicazioni emanate dal Presidente del CONI Giovanni Malagò, su invito del Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi, la FIGC ha disposto un minuto di raccoglimento in occasione delle gare che si disputeranno nel fine settimana, anticipi e posticipi inclusi di sabato e lunedì, in memoria delle vittime della tragedia accaduta a Cutro.

Nel match di serie C in programma lunedì sera a Crotone (derby con il Catanzaro) i calciatori giocheranno anche con il lutto al braccio. Il gesto – come ha sottolineato il presidente dei padroni di casa, Gianni Vrenna – “è il minimo che poteva fare una società di calcio dopo tutto quello che è successo”. Le due squadre onoreranno dunque la memoria delle decine di vittime con un’iniziativa che fa il paio con il minuto di raccoglimento disposto dal ministro dello Sport, Andrea Abodi. “La tragedia di Cutro – ha scritto in una nota Abodi – ha trasformato in questi giorni il palazzo dello sport cittadino, il PalaMilone, nella camera mortuaria di esseri umani, donne e uomini, a partire da bambine e bambini che, in cerca di speranze, hanno perso la vita, traditi da trafficanti di persone, delinquenti senza scrupoli. Un luogo di sport e di socialità ha dovuto accogliere così tante vite perdute di fronte alle quali ci inchiniamo, avvertendo il dovere di dedicare loro un minuto di silenzio, riflessione e preghiera sui campi di gioco e di gara italiani, di tutte le discipline sportive, in questo fine settimana. Ringrazio – ha proseguito – il presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente del Cip Luca Pancalli e tutti gli organismi sportivi per la lettura del seguente messaggio, condiviso con il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni: ‘L’Italia onora la memoria delle vittime del drammatico naufragio di Cutro, a partire da bambine e bambini, con un minuto di silenzio, riflessione e preghiera da condividere attraverso la comunità sportiva, e si unisce al dolore delle loro famiglie e dei loro cari. Il Governo rinnova il suo massimo impegno per contrastare la tratta di esseri umani, tutelare la dignità delle persone e salvare vite umane”.