Come fare della difesa la prima arma offensiva:  “Pressing e riaggressione”

0
392

È disponibile il lavoro con cui Antonio Gagliardi si è abilitato a Coverciano al Master UEFA Pro. Presente anche la versione in inglese
Pressing e riaggressione, presente e futuro del calcio dominante’ è il titolo della tesi. L’autore si sofferma su questo tema e già nelle prime pagine della sua opera ne spiega il motivo: “Credevo (…) che le grandi squadre dominassero il gioco perché avessero sviluppato un fantastico gioco offensivo. Però, più studiavo le grandi squadre, più mi rendevo conto che il loro dominio del gioco passava per la fase di non possesso. Una fase di non possesso aggressiva e ‘proattiva’, volta a togliere tempo e spazio agli avversari ed a recuperare palla il più velocemente ed il più in ‘alto’ possibile”. Passando in rassegna gli allenatori e le squadre che con il loro ‘imprinting’ hanno segnato per sempre il gioco del calcio, Gagliardi analizza le varie tipologie di pressing che possono essere adottate, dando quindi ampio spazio ai dati statistici per evidenziare alcune teorie e orizzonti verso cui si sta indirizzando il gioco. Nell’ultima parte della tesi vengono infine mostrate alcune proposte di esercitazione sul tema trattato.L’autore, allenatore UEFA Pro abilitatosi a settembre a Coverciano, è stato il match analyst della Nazionale italiana campione continentale a Euro 2020. Già collaboratore tecnico di Andrea Pirlo alla Juventus, attualmente è – sempre insieme all’ex centrocampista azzurro – nello staff della squadra turca del Karagumruk. È il coordinatore del corso dedicato ai Match analyst organizzato dal Settore Tecnico.