Il grande successo di Sport Up. Savona al centro dell’attenzione nazionale

0
24
Grazie allo spirito di iniziativa e al dinamismo della neo amministrazione Savona per un intero week end è divenuta una vera e propria “cittadella dello Sport”. Ecco per intero quello che è stato il nutrito programma della manifestazione dall’inaugurazione alla chiusura. Si è partiti con una variopinta ed allegra sfilata dei protagonisti. La parata. Venerdì 16 settembre (dopo che in mattinata alle 11 in sala rossa è avvenuto l’incontro ufficiale con le delegazioni portoghese e slovena) ad iniziare dalle ore 16, con partenza e arrivo da piazza Sisto IV, si è svolta una colorata e festosa parata delle società sportive savonesi per le vie della città. Il corteo,è stato e concluso aperto dalla musica della banda Forzano, ed ha simboleggiato il “ritorno alla normalità” celebrando lo sport come luogo d’incontro e di crescita per le giovani generazioni. Il lancio del progetto Europeo. Sabato 17 settembre alle 10.30 presso la sala della Sibilla si è tenuto il kick off meeting, la manifestazione di lancio dell’iniziativa Sport for Life, con la presentazione delle delegazioni e delle città partecipanti al progetto e l’illustrazione del corso a cura dell’Università di Genova. Lo sport in piazza. Sabato 17 e domenica 18 settembre, in  ben 13 tra piazze e strade della città (dal Prolungamento al Porto, dal Brandale a piazza del Popolo, da piazza Pertini a piazza Sisto a via Manzoni), si sono susseguite le esibizioni delle società sportive savonesi con l’obiettivo di promuovere la pratica sportiva come luogo d’aggregazione e i giovani curiosi hanno avuto la possibilità di provare tutte le varie discipline presenti. Nei giorni immediatamente antecedenti l’iniziativa erano stati infatti comunicati il programma e i numeri della kermesse. Soddisfatti il sindaco avv. Marco Russo e l’assessore allo Sport Francesco Rossello che ha chiuso la 3 giorni dei lavori con queste parole .” Il calendario così ricco ed intenso ha messo a dura prova la nostra macchina organizzativa. Abbiamo la certezza che tanti luoghi, per terra e per mare, della nostra città, siano diventati per un fine settimana indimenticabile premiato dal bel tempo, sedi di attività sportiva e di coinvolgimento per bambini e ragazzi. Savona vanta un inestimabile patrimonio di realtà sportive che vive grazie alla passione di centinaia di volontari. Inoltre può contare su un campus universitario ricco di competenze, esperienze e professionalità. Dopo questo primo weekend le iniziative andranno avanti ancora per un mese, durante il quale le ragazze e i ragazzi saranno protagonisti sia perché animeranno le nostre piazze con il loro contagioso entusiasmo sia perché saranno i destinatari di una serie di iniziative che metteranno in risalto le proprietà terapeutiche dello sport, come antidoto al rischio di isolamento, come mezzo di inclusione sociale e anche come strumento capace di far emergere il talento che ognuno di noi possiede”. La manifestazione del Comune di Savona rientra nel progetto “Sport for life” patrocinato dalla Comunità Europea attraverso il bando Erasmus Plus. L’evento è stato reso possibile grazie ad AD Comunication di Domenico Amoroso e ha coinvolto più di 60 società sportive savonesi, una trentina di discipline sportive, dieci enti di promozione sportiva per un totale di circa 150 ore di sport nei tre giorni.

All’apertura della manifestazione molto suggestiva ed emozionante è stata la consegna da parte di ogni società di un oggetto simbolo della propria attività in un ideale “braciere olimpico” (una teca in plex) ad indicare  la ripartenza dello sport savonese. Non è mancato nemmeno qualche momento alternativo come il concerto all’alba sulla Fortezza del Priamar a cura di Olistik Sound Project  svoltosi sabato 17 settembre
alle ore 6.45. Domenica 18 settembre dalle ore 8,30 alle ore 18 grazie alla preziosa collaborazione di Confartigianato Savona è stato creato anche un percorso merenda che ha coinvolto le eccellenze della panificazione e del gelato savonese. Spazio e visibilità alla disabilità nello Sport, un tema caro a tanti . Sul parterre protagonisti come una ballerina non vedente e atlete in carrozzella, e sul palco gli applauditi interventi del delegato provinciale Coni cav. Roberto Pizzorno del presidente del Comitato Paralimpico, del presidente della Consulta Aureliano Pastorelli e del coreografo Edo Pampuro.Come non ricordare poi l’attesissima presenza di Mattia Villardita, lo spiderman savonese, come quella delle Principesse in Corsia e dei clown dell’associazione Sanna Clown. Un particolare ringraziamento anche a Radio Jasper che in qualità di radio partner dell’evento, che si è messa a disposizione per la buona riuscita del tutto. Un grazie infinito alle associazioni per il loro grande spirito di collaborazione, che si sono messe a disposizione gratuitamente le loro strutture e che hanno permesso di organizzare un programma di promozione turistica della Città ,nello specifico: l’Associazione A’ Campanassa, l’associazione Nazionale Alpini – sezione di Savona; l’Assonautica sede di Savona; la Diocesi di Savona-Noli; la Fondazione Museo della Ceramica di Savona Onlus; l’Istituto Internazionale di Studi Liguri (Sezione Sabazia). Arrivederci alla prossima edizione con l’obiettivo di fare ancora meglio.