La Cantera Torre de Leon : il simbolo per eccellenza della “savonesità” calcistica giovanile

0
43

Il primo fondamentale scopo del progetto è quello di : “aiutare i giovani calciatori savonesi di valore a crescere e a cercare nuove strade per poter mettere in evidenza tutto il loro talento”. È questa la mission principale dell’ASR Cantera Torre de Leon, il sodalizio biancorosso affiliato alla Libertas con base nel bellissimo capoluogo del ponente ligure, fondato dal Dott. Felicino Vaniglia, che si propone di “indirizzare ed assistere nel loro percorso formativo tutti quei ragazzi che sognano di poter estrinsecare le proprie passioni, di esprimere compiutamente il proprio estro e di realizzarlo nella costruzione del proprio futuro sportivo”, al fine di “riconoscere e individuare fra le tante promesse i veri possibili campioni di domani ed aiutare queste stelline a brillare ancora di più”. Espressamente in questa ottica, avviene la collaborazione con le società di appartenenza dei partecipanti alle iniziative internazionali proposte e con le varie amministrazioni pubbliche locali della nostra provincia. La “Cantera Leon Pancaldo”, inoltre, si è fatta carico di veicolare in tutta Italia ed in Europa, i migliori prodotti dei vivai calcistici giovanili del nostro territorio che sono legati ad una elevata tradizione di eccellenza. Un apposito e qualificato “committee” provvede ogni anno a selezionare ed invitare nominalmente gli x-factor boys che più si sono messi in luce durante lo svolgimento dei rispettivi campionati a prendere parte ad un torneo/campus estivo-soggiorno/studio-vacanza/divertimento all’estero ( per il 2022 : Barcellona- S.Susanna Spain Trophy dal 3 al 9 luglio cat. Juniores e Allievi) : una fantastica opportunità nella quale potranno misurarsi con i migliori team provenienti da tutti i continenti oltre a svolgere diverse attività non solo sportive tra cui incontri di tipo sociale, culturale ed artistico. Riteniamo con orgoglio e convinzione che quanto stiamo riuscendo ad offrire oramai da un quinquennio rappresenti una grande e riuscita iniziativa di valorizzazione e promozione territoriale, un progetto di pregio che è andato via via sviluppandosi e prendendo visibilità anche e soprattutto attraverso uno scambio continuo di esperienze stimolanti e di avanguardia. Crediamo fermamente che sia indispensabile varcare i confini per poter far conoscere le capacità e le virtù dei ragazzi che giocano bene al calcio all’ombra della “Torretta”. Al pari di una fantasmagorica rassegna di vini pregiati (dal Rossesse alla Granaccia, dal Pigato al Buzzetto) e di una collection di apprezzate tipicità (dai chinotti canditi alla panissa, dall’olio extra vergine d’oliva alle olive in salamoia, dagli asparagi violetti ai pomodori secchi, dal pesto al miele, dalle confetture alle conserve, dagli amaretti di Sassello ai carciofi di Albenga) vogliamo presentare al resto del Mondo la bravura dei nostri El-Shaarawy in erba. Così come Claudio Mistrangelo (professore-filosofo-allenatore) i talenti della pallanuoto ha da sempre saputo crearseli in casa e che partendo da un gruppo di ragazzi savonesi che avevano vinto i Giochi della Gioventù ha costruito il fenomeno Rari Nantes Savona, che da oltre trent’anni è ai massimi vertici  nazionali e che ha sfornato campioni del mondo come Angelini o Aicardi; così come Danila Satragno (cantante jazz , musicista e vocal coach che ha collaborato con grandi artisti, tra cui Fabrizio De André, OrnellaVanoni, Giuliano Sangiorgi, Arisa, Biagio Antonacci, Red Canzian, Rossana Casale, ecc.) nel campo della voce attraverso la scuola Vocal Care offre la possibilità ai giovani talenti artistici savonesi di esibirsi in importanti spettacoli e concorsi e di partecipare a programmi televisivi quali il talent “Amici” di Maria De Filippi (Paolo Macagnino) e “X Factor” (Eleonora Bosio in arte Cixi e Simone Frullio dei Free Boys) non dimenticando che ha inoltre seguito in tutta la sua formazione didattica e musicale Annalisa Scarronestar della musica italiana e  internazionale, arrivata al grande successo grazie al Festival di Sanremo; così come  attraverso l’Unione Industriali di Savona, l’Università Luiss di Roma, offre agli studenti savonesi delle superiori la possibilità di accedere ad una formazione adeguata,ad una specializzazione ben definita che serva per poi trovare una occupazione adeguata ai propri studi, qualificante e da un buon reddito, come era in passato, visto che ben sappiamo che per i giovani sarà sempre più difficile entrare nel mondo del lavoro e delle professioni (Michela Sarti, studentessa di giurisprudenza alla LUISS originaria della provincia di Savona e diplomata al Chiabrera, rappresenta con la sua esperienza diretta un esempio da seguire per la costanza, la determinazione, la maturità e la passione dimostrate per affrontare questa totalizzante sfida personale) anche la “Cantera” propone ai suoi meravigliosi ragazzi una filosofia, un metodo, uno stile, un modo di vivere lo sport/calcio, che permettano di dilatare il più possibile le occasioni per far emergere il talento, avendo con le eccellenze citate sopra lo stesso minimo comune denominatore vale a dire che “per diventare campioni bisogna prima essere uomini veri : le doti innate, infatti,da sole non bastano”.