Ora Rai1 apra allo sport

Ci deve essere qualcosa di masochista nell’impedire, da parte di tutti i direttori che si sono susseguiti  negli ultimi 15 anni, che Rai1 possa trasmettere, escluso il calcio internazionale,  eventi sportivi. Chi segue con attenzione i rapporti  tra televisione e sport nota come grandi eventi, pagati profumatamente dall ‘Ente di Stato siano dirottati su Rai2, Rai3 o da Raisport canale 57 la cui esistenza,  da un sondaggio  commissionato  proprio  dalla RAI,  è  ignorata dall ‘oltre il cinquanta  per cento  degli utenti. Eppure gli ascolti sono altissimi, come testimonia Rai2 una rete che tolti gli eventi sportivi ha uno share che raramente supera il milione. Adesso che lo sport azzurro ha conquistato  il mondo ma soprattutto  tanti giovani, questa domanda su Rai1 che ignora gli eventi sorge spontanea. Diranno i miei pazienti  lettori, che con la miriade di canali e il sorgere dello streaming, questo diventa un un quesito irrilevante, ma secondo me non troppo. RAI1  nella linea editoriale  dell’azienda ha come rete ammiraglia il compito di assegnare spazi ai grandi eventi, non soltanto il Festival. Ma una consuetudine ormai superata nega che possano essere concessi spazi a quelli  sportivi  con la conseguenza  che il Giro d’Italia, patrimonio culturale  e non soltanto sportivo, venga irradiato  da Rai2 facendo scappare  diversi sponsor. E questo vale anche per le Olimpiadi che se fossero state seguite dalla rete ammiraglia avrebbero ottenuto  ascolti  altissimi.  Invece al pomeriggio vengono considerati  irrinunciabili  gli spazi dedicati alla cronaca nera, con sangue e delitti in primo  piano. Si dice, come alibi, che Rai1 ha come target  un pubblico  anziano, come se la terza età fosse disinteressata allo sport che invece risulta gradito, anche alle donne.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: