La Cantera Torre de Leon vola sul tetto d’Europa

Emulando in versione calcio giovanile le gesta della Nazionale di Mancini che ha finalmente riportato all’Italia quel titolo continentale che le mancava da ben 53 lunghi anni, ancora una volta il magic team biancorosso creato e coordinato dal Ct Felicino Vaniglia (resp. le reg. le Libertas sez. Calcio Giovanile) ha centrato l’obiettivo salendo sul gradino più alto dello Spain Trophy 2021 con la categoria 2003/2004. Sfidando ogni remora (seppur osservando i più rigidi adempimenti previsti dai protocolli sanitari Covid 19), ogni tentativo di depistaggio, ogni riserva mentale, ogni invito a desistere, come nel suo stile “inimitabile”, la Cantera Tdl Cadete (questa la denominazione della squadra iscrittasi alla manifestazione internazionale per il tramite della Sporturismo dell’impeccabile promoter Dott. Daniele Martini) ha ardito, osato, intrapreso, sofferto ed infine ha conquistato perentoriamente il prestigioso trofeo. Cinque gare tirate, tutte vinte grazie ad un lavoro di staff iniziato dai primi di giugno e meritatamente conclusosi in gloria. Tanta la soddisfazione dei meravigliosi ragazzi componenti la rosa così come quella dell’affiatato gruppo tecnico organizzativo (Ghiso, Perria, Berruti, Risso). Contro la lega delle equipes di Catalunya (CF Calella, Jacetano, CF Rocafonda), academy di professioniste, gli allievi canteriani hanno sfogato tutta la loro rivalsa tecnica ed atletica dopo mesi di inattività agonistica, risultando veramente invincibili per i pur attrezzati rivali. Nella finalissima terminata 4 a 1 si è toccato il top a livello di performance, di approccio, di atteggiamento, giostrando su livelli veramente alti, trascinati da capitan Jonathan Moscino, difensore centrale autore di una stupenda doppietta. Ecco il bilancio del responsabile area operativa mister Vaniglia :” Siamo estremamente lusingati dal grande successo sportivo ed organizzativo ottenuto. La formula del nostro “soggiorno turistico” che comprende escursioni piacevoli come la visita di Barcellona ed in particolare del formidabile “Camp Nou Tour” affascina così come la permanenza in Santa Susanna, perla della Costa Brava, affidabile ed accogliente specie per la next generation. Ringrazio tutti coloro che ci hanno sostenuto ed incoraggiato con dedica speciale al presidente del Vado Fc Franco Tarabotto che con generosità e signorilità ci ha messo a disposizione le strutture che con tanto amore è riuscito a regalare alla comunità vadese e all’intero movimento sportivo. Grazie alla ns eccezionale presidente avv. Cristina Anelli ed al Delegato Provinciale del Coni nonchè presidente regionale della Libertas (ente a cui siamo convintamente affiliati) cav. Roberto Pizzorno. Dedichiamo questa stupenda affermazione all’indimenticato Marco Parascosso, nostro compagno di ventura, amico leale, bomber coraggioso, eroe generoso.Continuerà a vivere nei nostri cuori, per sempre!”. Appuntamento al 2022 forti del motto che ci illuminerà la strada otra vez :”Alla battaglia!”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: