Atletica a Savona: Leonardo Fabbri a forza 20 nel Meeting della Torretta

0
38

Leonardo Fabbri non delude e onora alla grande il sesto Meeting della Torretta. Il lanciatore
toscano, finalista europeo a Monaco di Baviera e già primatista italiano Assoluto al coperto,
vince la gara di getto del peso maschile della riunione atletica andata in scena ieri pomeriggio alcentro sportivo della Fontanassa di Savona con l’organizzazione del CUS Savona in collaborazione con il CUS Genova. Fabbri, primatista del Meeting internazionale Città di Savona (tradizionale appuntamento atletico di altissimo livello nel mese di maggio sempre alla Fontanassa) con 21.15, firma una serie di grande spessore, tutta oltre i 20 metri con l’eccezione di un nullo: 20.60, 20.58, 20.08, 20.26 e poi il picco al sesto e ultimo lancio a 20.70. «A Savona mi sento a casa – il suo pensiero a caldo -, questa pedana mi piace molto e le competizioni di Marco Mura (premiato in occasione del Meeting della Torretta dalla sezionesavonese degli Atleti Azzurri d’Italia, ndr) sono sempre molto ben organizzate. È stata una stagione sofferta, mi do un “sette” per quello che sono riuscito a ottenere nelle difficoltà. Ci vediamo nel maggio 2023 per il prossimo meeting internazionale!». Tra Fabbri e Savona il legame è molto forte, come testimoniato dal riconoscimento consegnato al lanciatore dopo la gara dall’assessore comunale savonese allo Sport Francesco Rossello per la “fedeltà” dell’azzurro agli eventi atletici della Fontanassa. Savona è come al solito sinonimo di velocità e sul controrettilineo omologato, dove Marcell Jacobs nel 2021 corse i 100m in 9.95, arriva un risultato di grande rilievo negli 80m piani Cadette (Under 16): Sofia Regazzi, 14enne bergamasca dell’Atletica Estrada in vetta alle liste italiane stagionali, vince in 9.83 (+1.5), a 19/100 dal limite italiano di categoria. Gli 800m Assoluti maschili sono dedicati a Roberto Benvenuti: è una gara palpitante che approda sotto il minuto e 50 secondi. Vince il più giovane e il più “sfrontato” nell’affrontare la gara, Gabriele Angiono (Battaglio CUS Torino), classe 2004, in 1:49.74, per precedere l’azzurro di Liguria Matteo Guelfo (Trionfo Ligure) a 1:49.95, Jacopo Peron (Varese Atletica) a 1:50.08 e Ossama El Kabbouri (Battaglio CUS Torino) a 1:50.30, in uno spettacolare arrivo con quattro atleti in lizza per la vittoria. Nel lungo la finalista europea Under 20 2021 Chiara Smeraldo (CUS Genova) atterra al primato stagionale a 5.94 (+0.7); a proposito di azzurri, l’argento dei Giochi Paralimpici 2004 Roberto La Barbera (Pegaso) ottiene un ottimo 6.14 (+0.4).