Allo Zeronovanta di Altare “non solo sport”

0
34

Sapevamo che non si trattasse di un solo centro sportivo, ludico ricreativo con campo da calcetto, campo polivalente e area per bambini con giochi. Eravamo inoltre a conoscenza della presenza di una sala polivalente (12 m x 8 m ) sita all’ interno della struttura in muratura, disponibile per corsi di ambito disciplinare(ginnastica,pilates,yoga,judo,karate,scherma,danza), eventi speciali, attività motorie, laboratori, convention,feste di compleanno, doposcuola,workshop.Ciò che però ci ha colpito, oltre alla cordiale ospitalità dei gestori Caterina Pera e Mattia Selis, è la raffinata e gustosa eccellenza enogastronomica che la “bombonera” di via Montenotte è in grado di offrire. In particolare vi raccontiamo di un pranzo a tema, in questo caso ispirato alla rinomata cucina sarda, svoltosi domenica 28 agosto. Sia perché le origini non tradiscono mai, che per la voglia di assaporare quel “qualcosa di diverso” che tutti ricerchiamo, il menù proposto ha avuto un grande successo. D’altronde la specialità sarde proposte sono l’espressione tipica di un’arte culinaria caratterizzata dalla sua proverbiale varietà nonché dall arricchimento storicamente avvenuto attraverso apporti, connubi e contaminazioni dipendenti da contatti e scambi con diverse culture mediterranee. Per antipasto un piattino misto di salumi e formaggi da accompagnare con miele di corbezzolo e marmellata di fichi unito a del croccante e sottile pane carasau. Si è passati poi ad un primo piatto classico . Malloreddus alla Campidanese abbinati ad un calice di Cannonau. Spettacolare la presentazione e degustazione del porceddu con contorno di patate al forno.Infine un dolce spettacolare : le seadas, il dessert isolano simile ad un grande raviolo. Immancabile un goccino di mirto rosso per completare in bellezza. Che dire : complimenti vivissimi!