Addio a Monica Bandini, oro ai Mondiali 1988

Faceva caldo, molto caldo quel pomeriggio di fine agosto a Relaix, dove era in programma la cronosquadre femminile ai Mondiali di ciclismo. E anche a seguire in TV la corsa raccontata da Adriano De Zan si faceva fatica, non certo come quella di Monica Bandini e le altre tre sue compagne di Nazionale tra le quali Maria Canins, pioniera del ciclismo rosa. Ma ne valse la pena sacrificare un paio d’ore davanti al piccolo schermo per vedere il quartetto salire sul gradino più alto del podio. E certo fa rabbia, in un periodo dove tante, troppe vite sono spezzate nel meglio degli anni, sapere che ieri sera  Monica si e’spenta per un malore improvviso, mentre era intenta a lavorare nella sua azienda di famiglia, a Villagrappa di Forli, a Eva soltanto 56 anni e, dicono le testimonianze tra le quali quella del Ct Cassani, che prima del fatale malore era in perfetta forma. Pedalava ancora, per sano divertimento, Monica legata anche al nostro territorio per le premiazioni assegnatele dal Comune di Loano e dal Coni provinciale. Soave ti sia la terra.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: