Bebe Vio, l’immagine simbolo del paralimpico, insieme al mito Zanardi, non ha tradito le attese e vinto, come cinque anni fa a Rio, il titolo nel fioretto. La scherma insomma, dopo le delusioni nelle Olimpiadi, trova il suo oro con un’atleta che ogni giorno va a medaglia convincendo i meno fortunati che un altro mondo è  possibile. Quante ragazze, e ...