Libertas : “Lo sport siamo noi”

0
78

Lo Sport siamo Noi – Promuovere comunità coese attraverso lo sport di tutti. Un obiettivo importante, un pensiero condiviso, un’anima sociale. Questi i punti centrali di “Lo Sport Siamo noi” il progetto, che era stato promosso dal Centro Nazionale Sportivo Libertas in collaborazione con AiCS, ACSI e Csen, e finanziato da Sport e Salute Spa, in armonia con l’Action Plan 2020/2022. “Lo Sport siamo noi” è stato pensato per portare un contributo concreto sui territori e permettere una graduale e naturale ripresa dell’attività e dell’esercizio fisico. Una visione di Sport di Tutti e per Tutti che offre gratuitamente un’opportunità di pratica sportiva ai più piccoli. Il progetto era rivolto ai bambini tra i 6 e i 14 anni residenti nei piccoli Comuni italiani per promuovere non solo l’avvicinamento alla pratica sportiva, ma anche e soprattutto i valori della condivisione, il rispetto per l’ambiente e il senso di appartenenza al proprio territorio.
Le attività sono state costruite per coinvolgere i bambini in un percorso di sei mesi, con un’ottica multidisciplinare che consentirà di svolgere le attività in spazi individuati dai Comuni e non necessariamente ed esclusivamente deputati allo sport. Il progetto dei quattro Enti infatti si è concentrato sui Comuni italiani con meno di 10 mila abitanti. Il contributo richiesto a ciascun Comune coinvolto per questo festival dello sport è stato un supporto logistico e un aiuto strategico nell’individuare i fruitori del progetto, con particolare attenzione ai giovani e alle famiglie che esprimono fragilità socio-economiche. Sono state infatti l’Amministrazione attraverso l’Assessorato allo Sport e/o alle Politiche Sociali con i loro funzionari insieme ai rappresentanti dei Comitati Provinciali e delle Associazioni/Società sportive, a individuare i partecipanti secondo parametri quali ISEE, segnalazione dei servizi sociali, prima o seconda generazione di famiglie migranti. La Libertas e tutto il raggruppamento degli Enti coinvolti, ha preparato gli istruttori con particolari corsi organizzati con il contributo di una commissione tecnico-scientifica che ha definito le linee guida del progetto per gestire le attività locali.