EURO 2032 in Italia e Turchia: “FIGC e TFF hanno unito le forze con l’obiettivo di ospitare il miglior Europeo mai organizzato”

0
157

L’Italia ospiterà, insieme alla Turchia, l’Europeo 2032: nel corso di una cerimonia che si è svolta oggi nella sede della Confederazione calcistica a Nyon, il Comitato Esecutivo UEFA ha assegnato il torneo in programma tra poco meno di 9 anni alla candidatura congiunta di FIGC e TFF, le Federazioni italiana e turca che, nel luglio scorso, avevano deciso di unire le forze. “Desideriamo esprimere la nostra gratitudine alla UEFA – il commento dei presidenti di FIGC e TFF Gabriele Gravina e Mehmet Büyükekşi – per aver concesso l’onore di ospitare EURO 2032 a due Paesi che condividono la cultura mediterranea. La Federcalcio italiana e la Federcalcio turca hanno unito le loro forze, con l’obiettivo di ospitare il miglior Campionato Europeo mai organizzato, costruendo nuovi ponti di amicizia e lasciando un contributo duraturo all’eredità del calcio. Nei prossimi anni, Italia e Turchia lavoreranno intensamente, con grande passione e impegno per offrire ai tifosi la migliore esperienza del Campionato Europeo, come sottolineiamo nel nostro motto ‘Play as One’”. Nei prossimi nove anni, dunque, il Campionato Europeo di calcio percorrerà l’Europa da Nord a Sud, passando dal centro del continente: dopo l’edizione n. 17 del torneo in programma tra 8 mesi in Germania, infatti, attraverserà il Mare del Nord, direzione Regno Unito e Irlanda, alle quali è stata assegnata l’edizione 2028, per fare poi un’inversione completa di rotta, verso Sud, direzione Mediterraneo, dove arriverà nel 2032, destinazione Italia e Turchia, che avranno 5 sedi di gara per ciascun Paese. La scelta della UEFA chiude un processo di selezione iniziato il 17 dicembre 2021: erano state 4 le candidature iniziali (Russia, Regno Unito/Irlanda, Italia, Turchia), ridotte a 3 dopo la decisione dell’Esecutivo (2 maggio 2023) di dichiarare non idoneo, ai sensi dell’articolo 16.02 del Regolamento di candidatura, il dossier della Federcalcio Russa (RFU), fino a diventare 2 nel luglio scorso, quando le Federazioni di Italia (FIGC) e Turchia (TFF) hanno scelto di lavorare a un dossier congiunto. Per il 2028 l’Europeo si svolgerà tra Regno Unito e Irlanda, due Paesi ma cinque Federazioni calcistiche: Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord e Irlanda per un torneo che riporterà il ‘football’ in quei luoghi dai quali, quasi 150 anni fa, tra il 1863 e il 1881 (periodo di fondazione delle 4 Federazioni britanniche), questo sport ebbe origine. Nella storia del torneo, l’Inghilterra aveva già ospitato l’edizione 1996, vinta dalla Germania, mentre nell’edizione itinerante del 2020, disputata poi nel 2021, tra le 12 sedi europee c’erano anche le britanniche Londra (sede di gare del girone, ottavi e delle sfide decisive, semifinali e finali) e Glasgow, con vittoria finale dell’Italia. Per il 2032, la Fase Finale dell’Europeo tornerà in Italia per la terza volta, dopo quelle del 1980, 8 squadre partecipanti e del 1968, 4 squadre partecipanti, entrambi con formule molto ridotte rispetto all’attuale Europeo a 24 squadre, mentre nell’edizione itinerante del 2020, disputata poi nel 2021, tra le 12 sedi europee c’era anche Roma (sede delle gare del girone e di un Quarto di Finale).  La Turchia, che negli ultimi anni ha ospitato 2 finali di Champions (2003 e 2023), sarà per la prima volta sede dell’Europeo, inseguito ormai da 20 anni: si era già candidata infatti nel 2008 con la Grecia (furono scelte Austria e Svizzera), nel 2012 (finì in Polonia e Ucraina), nel 2016 (assegnato alla Francia). Anche l’Italia, tra l’altro, nelle stesse candidature 2012 e 2016 era rimasta tagliata fuori dalla votazione dell’Esecutivo.Per la presentazione del dossier all’Esecutivo, la scelta della FIGC è andata su due Ambassador particolari: il Capo delegazione della Nazionale e primatista di presenze in Azzurro Gianluigi Buffon e la giornalista e conduttrice TV Ilaria D’Amico. L’Ambassador turco è stato invece Volkan Demirel, ex portiere della Nazionale turca (66 presenze tra il 2004 e il 2014).