I riconoscimenti per il Cronometro d’oro

0
25
Una giornata interamente dedicata ai preparatori atletici, per aggiornarsi professionalmente e per consegnare i riconoscimenti relativi alla stagione di Serie A 2020/2021 quella che si è tenuta il lun.21 nov., nell’auditorium di Coverciano, durante il convegno dal titolo ‘Infortuni nel calcio – return to play, return to performance’.E’ stata anche l’occasione per celebrare i migliori preparatori atletici dei nostri tre massimi campionati di due anni fa. Il Cronometro d’oro è infatti il premio organizzato dal Settore Tecnico e dedicato ai migliori preparatori dei campionati di Serie A, Serie B e Serie C, secondo il giudizio dei colleghi. Le votazioni on-line, organizzate nella scorsa primavera, hanno eletto Antonio Pintus, Fabio Trentin e Alberto Bartali quali migliori preparatori atletici dei tre campionati professionistici maschili .I tre premiati hanno potuto ricevere fisicamente i riconoscimenti davanti alla nutrita platea, composta dai colleghi preparatori giunti al Centro Tecnico Federale per seguire il corso di aggiornamento. “La prima persona che cito per i ringraziamenti – ha sottolineato Antonio Pintus, dopo aver ricevuto il Cronometro d’oro – è mia moglie, perché i preparatori vivono molto di scientificità, ma anche di anima e di sensazioni. Mia moglie mi dà un equilibrio, sia nei momenti di euforia che di sconforto”. Pintus, eletto miglior preparatore atletico della Serie A 2020/2021, quando era all’Inter – vincendo poi lo Scudetto – è dall’estate 2021 nello staff del Real Madrid, laureatosi campione d’Europa nell’ultima edizione della Champions League. “Ringrazio lo staff tecnico dell’Inter – ha proseguito Pintus – per la stagione a cui fa riferimento questo Cronometro d’oro, tutti i miei ex collaboratori, il mister e soprattutto ricordo lo staff medico. Per riuscire ad avere risultati eccellenti, bisogna che ci sia un’assoluta integrazione tra gli staff; ci deve essere onestà intellettuale, cosa che ho trovato all’Inter e non a caso sono stati raggiunti certi risultati. E poi grazie alla Federazione: perché, se siamo qua, e perché siamo stati formati da un bellissimo corso”. Ad essersi aggiudicato il Cronometro d’argento, quale miglior preparatore atletico della Serie B 2020/2021, è stato Fabio Trentin, all’epoca al Venezia e ancora oggi nello staff di Paolo Zanetti, ma all’Empoli: “Sono emozionato – ha esordito Trentin – e orgoglioso per questo premio. Ringrazio in primis la mia famiglia: viviamo di grandi emozioni e avere un equilibrio nella vita è fondamentale. E poi ringrazio quella che è la ‘mia seconda famiglia’, ovvero lo staff guidato da mister Zanetti”. Il Cronometro di bronzo è infine stato consegnato ad Alberto Bartali, per la sua stagione alla Ternana in Serie C. “Ringrazio i colleghi che mi hanno votato – ha sottolineato Bartali, che ancora oggi è nello staff umbro – e condivido pienamente questo riconoscimento con tutta la Ternana, perché tutti concorrono al raggiungimento degli obiettivi. Sono particolarmente orgoglioso di condividere questo premio con gli altri preparatori che fanno parte del nostro staff”. Il corso di aggiornamento sul tema degli infortuni – organizzato dal Settore Tecnico in collaborazione con l’AIAC – era stato introdotto dal segretario del Settore Tecnico, Paolo Piani, che ha portato i saluti del presidente Demetrio Albertini, dal direttore della Scuola Allenatori e presidente dell’AIAC, Renzo Ulivieri, e dal vicepresidente dell’AIAC e docente di Metodologia dell’allenamento, Francesco Perondi.