Gabriele Andriulli ad Alassio per raccontare la sua avventura

Dai Salesiani il campione del mondo di body building in carrozzina ieri sera ha incontrato la cittadinanza e questa mattina gli studenti del Don Bosco di Alassio

0
60


ALASSIO- Ieri sera nell’ Auditorium dell’ Istituto Don Bosco di Alassio si è svolto l’incontro con un personaggio eccezionale: Gabriele Andriulli, campione del mondo di body building in carrozzina.
L’Istituto Don Bosco ha organizzato questo incontro (con il patrocinio del Comune di Alassio) con lo scopo di dare un esemplare esempio di come si possa vivere valorizzando la propria vita proprio quando la vita stessa ci mette alla dura prova. “Sono ancora io” era il titolo dell’incontro al quale era invitata tutta la cittadinanza.
Dal 1870 l’Istituto Don Bosco di Alassio ha a cuore la crescita dei suoi alunni, non solo a livello didattico, ma anche umana e cristiana, e propone a ragazzi e ragazze una prospettiva di vita fondata su valori portanti che faranno di loro adulti consapevoli ed onesti. Per arricchire ancora di più la formazione dei propri studenti, l’Istituto si impegna ad offrire occasioni speciali di riflessione e confronto, come questa con Gabriele Andriulli. La vicenda del campione di body building rappresenta l’occasione per un momento interessante di incontro e riflessione con una delle numerose realtà e situazioni che spesso, per superficialità, non si analizzano con la dovuta attenzione.
“Gabriele – spiegano gli organizzatori- ha raccontato di come è cambiata la sua vita negli ultimi dieci anni, in seguito ad un grave incidente stradale, causato da un suo colpo di sonno. Da quel momento Gabriele ha deciso di continuare a vivere la sua vita, valorizzandola ed attaccandosi ad essa come mai prima aveva fatto. Credere in sè stesso, prendendosi cura di sè e della propria anima, anche attraverso la fede, gli ha permesso di diventare la persona che è oggi, “normalmente diverso” come ciascuno di noi, ma con maggiore consapevolezza di quanto sia importante il dono di poter raccontare la propria storia e aprire gli occhi ogni mattina. La sua forza ed il suo coraggio si sono anche espressi nello sport, che ha deciso di continuare a praticare. Gabriele crede fortemente che lo sport insegni ad essere migliori, a concentrarsi su ciò che è comune a tutti gli atleti: determinazione, costanza, fatica ed impegno”.
E’ proprio grazie a questa sua nuova lettura della vita che oggi Andriulli è atleta professionista, culturista, primo italiano ad aver vinto la “Arnold Classic”, la competizione fondata da Arnold Schwarzenegger, ed è anche l’atleta più forte al mondo nella categoria bodybuilding in carrozzina. Questa mattina invece Gabriele ha incontrato gli alunni della scuola media e del liceo del Don Bosco.
CLAUDIO ALMANZI