Jacobs vince, ma con incognite sul domani

0
35

Ci sono tante angolazioni nelle quali esaminare la vittoria di Marcell Jacobs nell’attesa Meeting di Savona in scena oggi al Fontanassa e della quale crescita negli anni dobbiamo omaggiare Marco Mura, grande organizzatore. Questo perché la batteria e poi la finale dei 100 con il nostro campione olimpico è venuta ad assumere un significato particolare rispetto a quello che doveva essere uno degli eventi preparatori di una grande stagione. Insomma fino ad un mese fa i 100 di oggi volevano essere un tributo alla pista che un anno fa lo ha consacrato con il record italiano. Poi è arrivata la maledetta avventura di Nairobi dove Marcello, con una leggerezza che si poteva evitare, ha accusato una violenta febbre dovuta a problemi gastrici conseguenza di cibi non proprio genuini. E da qui è  scattata la paura, quasi una psicosi negli appassionati preoccupati che Marcello non sarebbe più tornato in forma smagliante. Ma questa tesi sembra smontata almeno in parte perché è vero che il riscontro cronometrico della finale non è esaltante con 10″04 ma va ricordato che in batteria è arrivato un dieci netto, con Jacobs che rallenta nei metri finali. Certo nel vederlo in volto Jacobs sembra preoccupato, anche se il suo preparatore atletico dichiara che non ci sono problemi e che del resto lo sapremo presto. Personalmente , da innamorato dell’atletica, tanto tranquillo non sono e temo che ci vorrà del tempo per recuperare al top. Sperando tantissimo di sbagliarmi.