Una A amara per le liguri

0
83

Tutte impegnate a salvarsi le tre liguri impegnate nella massima divisione.  La più tranquilla sembrava la Sampdoria ma la sconfitta contro il Torini oggi pomeriggio a Marassi, guarda caso decisa dall’ex Praet, mette nei guai e non poco i blucerchiati. Nessuna squadra come la Samp ha perso tanti punti in rimonta, ben 13, e soprattutto il gioco lascia a desiderare. Il Genoa, pur uscendo a testa alta negli ottavi di Coppa Italia, dove ha ceduto al Milan solo nei supplementari ha esonerato Shevchenko che fino ad un paio di settimane fa era considerato l’uomo giusto per una lunga programmazione.  Di lungo i rossoblu hanno soltanto l’elenco degli allenatori in busta paga e allora non si capisce perché invece di recuperare Ballardini, lo “specialista “delle salvezza si sia appoggiato a Labbadia i cui tifosi dell’Herta Berlino hanno acceso un certo quando ha lasciato la panchina. Vien da domandarsi se i ricchi proprietari dei club posseggono un abbonamento a Sky o a Dazn per seguire chi si compra a scatola chiusa. Lo Spezia rema pure lui e il blocco sul mercato in entrata non agevola i prossimi mesi. Tre liguri nella massima divisione che messe così le cose potrebbero tenersi compagnia anche la prossima stagione. Ma nel campionato cadetto.