I giornalisti liguri si sono aggiornati al Forum “Lo Sport per la Disabilità”

Organizzato a Palazzo Ducale da Stelle nello Sport e SportAbility
Un momento del Convegno (Foto Daros)

GENOVA- C’erano anche alcune decine di giornalisti professionisti e pubblicisti fra le duemilacinquecento persone che hanno partecipato al Convegno “Lo Sport per la Disabilità”. A Palazzo Ducale il forum è servito anche quale corso di aggiornamento professionale per gli operatori della carta stampata, della radio e televisione e dei giornali on line. Presenti tanti campioni dello sport, studenti, insegnanti, dirigenti, tecnici, giornalisti, fotografi e rappresentanti delle federazioni e delle istituzioni, oltre alla interessante mostra fotografica di Cristina Corti dal tema “Sport e disabilità”.

“Yes I Can” è stata la canzone e lo slogan cantato alla fine da centinaia di persone di ogni età, commosse dai tanti messaggi di coraggio, abnegazione e speranza che sono emersi dal convegno. Nella magnifica cornice del Salone del Maggior Consiglio, organizzato in maniera impeccabile da “Stelle Nello Sport” e “Sportability”, il convegno è stato seguito da 2000 studenti di cui 400 al Ducale e oltre 1600 in collegamento dalle scuole superiori e dal Corso di Scienze Motorie dell’Università di Genova. Fra i tanti interventi da segnalare quello di Claudio Puppo (coordinatore della consulta regionale per l’handicap) che ha fornito numeri interessanti. Solo il 6% delle persone con disabilità pratica sport contro il 36% dei cosiddetti normodotati. L’80% delle persone con disabilità rinuncia a una attività di inclusione sociale.

“E’ li che dobbiamo lavorare – hanno sottolineato Ilaria Cavo e Simona Ferro, assessore regionali alle politiche sociali e allo sport – con progetti come questo che divulgano il valore e l’importanza di praticare sport, che mettono in contatto le famiglie con il mondo delle associazioni che portano avanti un lavoro di straordinaria importanza”.

Ad entusiasmare la platea è stato soprattutto l’ incontenibile Oney Tapia (due volte medaglia di bronzo ai Giochi di Tokyo 2020), già vincitore di “Ballando sotto le stelle” su Rai 1. Il ballerino, pesista e discobolo ha regalato una splendida performance canora che ha saputo trascinare tutti ragazzi, adulti ed autorità facendo capire loro che :“la vita può sempre riservare sorprese. Bisogna perciò vivere tutti i giorni con passione e impegno, essere pronti a reagire ad ogni imprevisto. E includere il prossimo, perché siamo tutti abili, ognuno a modo suo”. Altre positive testimonianze sono venute dal grandissimo campione di nuoto Francesco Bocciardo (doppio oro paralimpico a Tokyo 2020 nel nuoto) e dalla ammirevole Amanda Embriaco (finalista ai Mondiali 2021 di canoa paralimpica). A presentare i campioni dello sport è stato il noto giornalista Claudio Arrigoni, cantore dello sport paralimpico e firma prestigiosa di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport, mentre a coordinare con maestria i relatori del Forum è stato in maniera impareggiabile Michele Corti. Ad aprire il forum erano stati gli interventi video di Luca Pancalli (presidente del Comitato Italiano Paralimpico) e di Alessandra Palazzotti (direttore di Special Olympics Italia). Fra le tante autorità intervenute Gaetano Cuozzo (presidente Cip Liguria) ed Alessandro Clavarino (coordinatore Special Olympics Genova). Molto interesse fra il pubblico e la critica ha anche suscitato la bellissima mostra della fotografa Cristina Corti, che ha spiegato come il tema della disabilità (cui sono dedicate le foto della mostra) sia diventato, quasi per caso ed in maniera inaspettatamente folgorante, il fulcro del suo magnifico e talentuoso lavoro.
CLAUDIO ALMANZI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: