Memory Doc: Quando c’era Tomagnini

Ci sono personaggi che lasciano ricordi anche con il passare impietoso del tempo che è sempre il nemico principale della memoria.  Uno di questi, che il vostro modesto cronista ricorda con affetto, è  Carlo Tomagnini, alassino, anzi, mi sia consentito,  “l’Alassino  doc” tanto per collegarlo a questa rubrica.  E bene han fatto Pietro Giannetti e Andrea Cenere, a raccogliere materiale ed interviste per dare un doveroso omaggio ad un genio del turismo che Alassio ha avuto l’onore di avere. Presto, e saremo lieti di comunicarvi  la data, ci sarà una serata evento dedicata a quest’uomo  che con il suo genio, le sue conoscenze ed il motto che tutto è  possibile, ha portato Alassio nel mondo. I ritagli di giornale che ho custodito in casa e che iniziano ad ingiallire, mi portano indietro a maggio 1982 quando Alassio, in quel meraviglioso  scenario della Puerta del Sol, ospitò la Nazionale Azzurra che poi volò in Spagna per conquistare il Mundial. Il merito di avere gli azzurri ad Alassio fu di Carlo che tutti noi guardavamo con scetticismo  quando ci parlava di quella possibilità.  E poi, e lo ricorderanno gli amici di Carlo intervistati in un commovente  cortometraggio, i piloti di Formula 1 impegnati in Piazza  Partigiani  con le sciaccagiare a farsi battaglia. E ancora il Carnevale con le bellezze brasiliane ad invadere la città e tante altre cose ancora che lo spazio tiranno della rubrica ci costringe a saltare. Noi vogliamo soltanto  ringraziare  coloro che renderanno  omaggio a questo personaggio  ed idealmente a tanti altri che hanno portato il turismo di Ponente al centro del mondo. E soltanto per questo sarebbe bellissimo che nel 2022, quarant’anni dopo la Nazionale Azzurra tornasse ad Alassio prima di partire per il Qatar nel mondiale autunnale. Carlo Tomagnini ci sarebbe riuscito e, nascosto tra le nuvole, vuole vedere se ci sono dei suoi successori.

NELLA FOTO CARLO TOMAGNINI AL CENTRO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: