Dopo la tappa (2) : Il fuggitivo

Sulla sua pagina Fb Angela Gaibisso, dirigente dell ‘U.C. Alassio scrive ” e dopo aver visto i professionisti al Giro i nostri ragazzi ci regalano soddisfazioni grazie a Luca Giaimi che vince a Biella il Trofeo Pantani riservato agli Esordienti “. Angela tocca un tasto a me, e spero ad altri, caro ed importante per portare i giovani allo sport, non soltanto al ciclismo. Quello di vedere, dal vivo o in TV i campioni che poi vuoi emulare gia da bimbo, si tratti di un calciatore o di un ciclista, di un canonista o di un cestista. Quando ero ragazzo ricordo che la RAI, soprattutto i canali nazionali trasmettevano in diretta tante discipline che poi volevi praticare. Mi ricordo che seguendo il tennis poi con altri tre amici prenotavamo un campo ad Albenga per giocare un doppio. Cosi e’ stato anche per il ciclismo, con i duelli Moser- Saronni e la pallavolo con i primi trionfi. Ecco, a mio avviso oggi manca, anche se noto con piacere il rinnovato interesse della RAI per lo sport, una maggiore diffusione di tutte le discipline.

E chissà se oggi pomeriggio, seguendo la diretta su Rai2 della Biella-Canale d’Alba tanti giovani si siano innamorati della  bici seguendo il trionfo del fuggitivo Taco Van Der Hoorn, olandese, autore, all’inizio con altri sette corridori, di una fuga di oltre 170 km. Il gruppo, ai quali in questi casi si gufa, viene regolato da Cimolai, Sagan, Viviani tutti a 4 secondi. Meglio rosa rimane Filippo Ganna con 16″ su Tobias Foss e 20 ” su Remco Evenepoel.Domani la Piacenza-Sestola, cambiamenti di classifica in vista.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: