Dentro alle Istituzioni Sportive

Si è spento Fino Fini, medico della Nazionale e ideatore del Museo del Calcio

11Views

Se ne è andato all’età di 92 anni Fino Fini, medico della Nazionale italiana per tanti anni, da sempre innamorato del calcio. La figura di Fino fini è legata in particolare al Centro Tecnico Federale di Coverciano, di cui è stato direttore dal 1967 al 1995. Al suo intuito inoltre, si deve l’idea e la realizzazione del Museo del Calcio, dove oggi sono conservati tutti i più importanti cimeli della storia della Nazionale italiana, dagli Anni ’30 ad oggi.Lo ricorda con sincero affetto il presidente LND Cosimo Sibilia: “Perdiamo una persona unica nonché uno dei più grandi amici del calcio italiano, Fini è stato senza dubbio un punto di riferimento per tutti quelli che amano questo sport. Grazie alla sua intuizione di fondare il Museo, tantissimi ragazzi possono rivivere tutti i successi della Nazionale e conoscere la grande tradizione calcistica italiana”.La passione sincera e immensa verso questo sport ha portato Fino Fini, nel 1990, a realizzare un’idea tanto innovativa, quanto particolare, che ancora oggi resiste e anzi è di vitale importanza. In occasione dei Mondiali di Italia ’90, Fino Fini decide di implementare nel progetto dell’ampliamento del Centro Tecnico di Coverciano un Museo del Calcio.La creazione di un luogo che potesse ospitare tutti i cimeli più importanti della storia degli Azzurri, dai trionfi degli Anni ’30 alla conquista della Coppa del Mondo del 1982 e non solo. Semplice e geniale al tempo stesso si trattò di un’idea che divenne realtà il 22 maggio 2000, giorno dell’inaugurazione del Museo del Calcio e della sua nomina a Direttore.Un obiettivo raggiunto e realizzato, un orgoglio personale ma anche della collettività. Tra i tanti articoli che Calcio Illustrato ha dedicato al Museo del Calcio nel corso degli anni, così Fino Fini nel 2005 raccontava a Massimo Ciaccolini, con orgoglio e felicità, quello che rappresentava per lui la realizzazione della struttura a Coverciano: “Solo conoscendo il nostro DNA e le nostre radici – disse Fino Fini, Direttore del Museo del Calcio – possiamo crescere ulteriormente e migliorarci. Ed è proprio per questo motivo che in occasione del Mondiale del 1990, organizzato dalla Federazione Italiana, con i fondi messi a disposizione per tale evento si decise di ristrutturare una ex casa colonica situata all’interno del Centro Tecnico di Coverciano, per collocarvi il Museo. Solo nel 1995, però, si arrivò alla istituzione della Fondazione Museo del Calcio e da lì in poi la struttura prese corpo fino ad arrivare alla sua inaugurazione che avvenne il 22 maggio del 2000”. Tra i suoi testi in qualità di scrittore ricordiamo : L’alimentazione per una migliore prestazione – Gli Infortuni nel Calcio. Prevenzione, cura – Guida pratica e I test nello sport.Tutto il nostro cordoglio vada a questa grande figura del calcio italiano.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: